We found love right where we are

Il matrimonio siamo io e te, per il resto della nostra vita.
Non capisco perchè la gente pensi di avere diritto di dirci come fare le cose, o si aspetti qualcosa senza capire che nella vita nulla è dovuto e bisogna guadagnarselo.
Quindi se voi non capite che quello che interessa a noi è che alziate il bicchiere e briandiate perchè io e Carlo ci amiamo, allora forse non ci conoscete per niente.
Forse potrebbe essere il momento per mettere da parte i problemi stupidi, gli asti, gli odi per sorridere e basta, perchè ci sono problemi grossi nella vita e per fortuna noi non ne abbiamo, noi possiamo pensare alle cose futili e stupide.
Ma non voglio pensarci ora e non ci vorrò pensare quel giorno, quindi non aprite la bocca per parlare di problemi stupidi, apritela per farci gli auguri di una felice vita insieme perchè è solo questo che dovrebbe importare a tutti: la nostra felicità.

Odio

Non sono una di quelle donne che ha sempre sognato il matrimonio, ho iniziato a pensarci passati i 30 e non ne ho mai fatto una malattia.
Ma questo non vuol dire che adesso che mi sposi non me ne freghi niente e che un vecchio idiota abbia il diritto di rovinarmi quella giornata.
Già perchè quel genio del prete ha fissato un altro matrimonio nella mia chiesa allo stesso giorno alla stessa ora e io per la prima volta nella mia vita sento le mani che prudono e ho voglia di spaccargli la faccia.
Non mi è mai successo ma se oggi me lo trovassi davanti gli darei tante di quelle sberle che lo renderei irriconoscibile.
E’ stato irrispettoso, maleducato anche nei modi in cui ci ha detto la cosa, l’abbiamo chiamato noi senza che lui si prendesse la briga di avvertirti.
E’ stato un prete quella categoria becera e odiosa che da ieri odio ancora di più e che dopo questo matrimonio mi vedrà entrare in chiesa forse per il mio funerale perchè non avrò nessun piacere a far avvicinare i miei figli a questa categoria.
Lui non si rende conto di quanto ha incasinato tutto pensa solo alla sua cazzo di messa, senza pensare alle persone, ai soldi a tutto il tempo che abbiamo speso.
Sono fuori di me, e vorrei soltanto potergli spaccare la faccia, e soprattutto non sposarmi in chiesa, ne sarei davvero felice di non aver a che fare con questo cazzo di clero che odio.

Wedding Bells

Da quanto non scrivo ora che ho un altro blog in cui parlare di passioni, ma lì di me stessa non parlo, di quello che succede nella mia vita e nella testa…. Quest’anno mi sposo, il 2015, l’anno in cui sarà il decimo anniversario della morte di papà, pochi giorni dopo quell’anniversario orribile… Mi sposerò, e ne sono felice, felicissima… Vorrei solo che ci fosse anche lui. Mi mancherà, così tanto come forse non mi è mai mancato in dieci anni, ma avrò tante persone intorno a me, che sorrideranno come avrebbe fatto lui.
Mi mancherai papà.

13 going on 30

Gli anni son quasi 31. Gli amici iniziano a sposarsi e ad avere figli.
E tu ti chiedi a che punto sei, con la testa, perchè per il resto che il tuo corpo sia seduto a una scrivania o a casa lo sai benissimo.
E allora ti chiedi, vedendo famiglie felici “Ma io lo voglio un figlio adesso? Ma io ne sarei capace?” Se per la seconda risposta credo di poter dire tranquillamente di sì la seconda resta per me sicuramente più un’incognita.
Se a volte di sicuro non posso dire di no… Altre… mi viene da pensare “Aiuto”.
E penso alle serate tranquille davanti alla TV, alle vacanze lunghe e itineranti, alle sere passate fuori a bere birra e mi chiedo se le potrei fare comunque.
Probabilmente in maniera diversa sì, ma sarei una mamma abbastanza sportiva? Ci penso e non ne sono sicura, ma so che quando succederà proverò a esserlo. Avere una famiglia adesso sarebbe tutt’altro che una tragedia, anzi mi piacerebbe, ma allo stesso modo mi piacerebbe aspettare ancora un po’ e sputtanarmi lo stipendio in vacanze e scarpe.
E allora mi chiedo a che punto sono io… E se sto finalmente crescendo, e la risposta in parte spero sia che sono già grande così con le fantasie e le immaturità che ho, perchè a me piacciono e senza questa non sarei IO.

Parole

Cosa dire a un’amica che ti chiede se ha conosciuto una persona solo per starle vicino quando se ne andrà? Se la vita per loro davvero non aveva in programma niente di bello?
Niente.
Non ho risposto, le ho detto che le voglio bene.
Sto male io solo a pensare a cosa stanno provando loro e non riesco nemmeno a immaginare costa sta provando lui, o lei.
E vorrei fare di tutto, vorrei poterle dire che conosco la cura miracolosa che risolverà tutto.
Ma non è così e lei lo sa.
Ha perso suo padre, lui ha perso suo padre, io ho perso il mio, e sappiamo che i miracoli in questa malattia si nascondono e non si fanno trovare.
CI credo quando le dico che potrebbe andare bene che magari si ripresenterà tra anni e le cure saranno veramente miracolose.
Ma in questo momento lei pensa solo che lo perderà e lui che non gli resta poi molto per cui guardare avanti.

Riflessioni stupide

Il titolo dice tutto. Ma volevo scrivere due stupide cose che mi sono appena passate per la testa.
Per anni sono stata fan di una band pressochè sconosciuta, i Lostprophets. Li ho visti live, conosciuti, ci ho delirato, scritto pagine e pagine, visto video… Insomma ci ho perso tanto tempo della mia vita. Ora è successo che il cantante si è dichiarato colpevole di alcune delle accuse più brutte che esistano: pedofilia. E’ venuto fuori che è una persona veramente… terribile… Non che l’avessi mai conosciuto, non che fosse un amico, o conoscente ma… Fosse stato un altro reato… Ma quello! E così ho cancellato dai siti di fanfiction le pagine scritte su di lui, perchè credo non vadano lette anche se quello che avevo scritto io era un personaggio tutto mio con la sua faccia e niente più.
Quante volte ho cantato le parole scritte da lui, c’era persino 4 a.m. forever, la canzone che quando è morto mio papà metteva nero su bianco i pensieri nella mia testa come se qualcuno mi avesse letto dentro… E poi Rooftops, A town called hypocrisy e mille, mille altre…
Ma adesso voglio cancellare le cose scritte, quelle pensate non posso ma veramente pensare che un ragazzo possa aver commesso certi crimini, mi fa schifo.

Elogio della banalità

Scriverò una cosa che scrivono tutti di questi giorni. Questa Italia fa veramente schifo.
So di non essere una di quelle persone che può lamentarsi della propria situazione economica, anzi, so di stare bene e di avere grandi fortune, ma non è questo il punto. Il punto è che in altri stati, non dico tutti ma tanti, una persona della mia età che fa la mia professione di certo non guadagna la schifezza che guadagno io e non versa migliaia di euro a uno stato che non dà nulla indietro.
Mi sembra di non far altro che spendere soldi in tasse, IVA, previdenza… Pensavo di farmi una pensione integrativa ma con la miseria che mi resta cosa volete che riesca a mettere via?
E’ abbastanza deprimente vedere il mio conto in banca, meglio che non entri per un po’

This entry was posted in Lavoro.